Schema di Calcolo per Future di Materie Prime


Un CFD su materie prime continuo (per essere più precisi, un CFD continuo su future su materie prime) si basa su due strumenti: il future vicino e il contratto future su materie prime successivo. Osserviamo lo schema della creazione del CFD continuo utilizzano l'esempio dei future del BRENT greggio.

1. I future sul BRENT greggio con diverse date di scadenza sono negoziati presso l'Intercontinental Exchange in Londra (ICE Futures Europe). Come un esempio per la creazione del nostro CFD abbiamo selezionato tre future con date di scadenza vicine.

ICE rilascia un gran numero di future del petrolio greggio con una durata di 5 anni, ma solo alcuni contratti con la data scadenza più vicina possono essere considerati liquidi. Quindi, alcuni contratti relativamente liquidi con diverse date di scadenza (e di consegna) possono essere negoziati contemporaneamente, però quelli più liquidi sono ancora i due future successivi. Questi future vengono negoziati nei giorni di lavorativi (di trading) negli orari di trading 02:00 - 24:00 CET (02:00 - 22:00 venerdì).

I contratti cessano di essere negoziati circa un mese prima della data di consegna, che generalmente avviene a metà del mese, ad esempio, i future di marzo vengono negoziati fino alla metà di febbraio. Il prezzo dei future successivi di regola rimane superiore al prezzo del contratto vicino, o inferiore a questo prezzo per un periodo abbastanza lungo.

2. Come un esempio prendiamo tre contratti future del 2015: BRN5J (aprile), BRN5K (maggio) and BRN5M (giugno). Questi future sono indicati come Futures 1, Futures 2 e Futures 3 (vedi Immagine 1). I prezzi sono adeguati per avere una migliore chiarezza visiva.

Il CFD continuo sul BRENT (indicato come un future continuo nell'imagine) viene calcolato come una media ponderata dei due future: il future vicino e quello successivo. La ponderazione viene eseguita per il numero di giorni rimanenti prima della chiusura del trading del contratto vicino secondo la seguente formula:

CF = F1 * T1/T + F2 * T2/T ,
in cui CF – il prezzo del CFD continuo,
F1 – il prezzo del future vicino Futures 1,
F2 – il prezzo del future successivo Futures 2,
T – la fascia oraria di base tra le date di scadenza dei due future (30 giorni per BRENT),
T1 – la fascia oraria (in giorni) rimanente prima della scadenza del contratto vicino,
T2 = T – T1 .

Di conseguenza, il prezzo del CFD continuo è tra i prezzi di F1 e F2. Inoltre, all'inizio dell'intervallo di tempo T, il prezzo CF è vicino al prezzo di F1, e all'avvicinarsi della chiusura del trading, il prezzo CF si avvicina al prezzo del contratto successivo – F2.

Quando rimangono pochi giorni prima della chiusura del trading del contratto future vicino (ora della “End trade 1”, vedi Immagine 1) e la liquidità del terzo contratto future raggiunge un livello sufficiente, il calcolo passa automaticamente ai future prossimi, cioè ai Futures 2 and Futures 3 (“Switch time”, vedi Immagine 1).

Si prega di notare che la formula di cui sopra è semplificata e l'algoritmo operativo tiene conto di alcune peculiarità, tra cui il calcolo per i nuovi future alcuni giorni prima dell'inizio della fascia oraria T.


Calculation scheme for commodity futures

Immagine 1

Di conseguenza, non vi è alcun gap sui grafici dei prezzi di un CFD continuo al momento dello spostamento al paio successivo dei future. I clienti di IFC Markets possono avere posizioni su CFD su materie prime per un periodo piuttosto lungo. La società inoltre copre le posizioni dei clienti con future di scambio, chiudendo, se necessario, le posizioni di hedging sui future vicini e riaprendo posizioni sui future successivi. Il movimento di prezzo del CFD continuo verso il future con scadenza più lontana, calcolato nella formula, viene compensato da maggiori costi di rollover (SWAP).

Questa tecnica consente ai trader di negoziare CFD su materie prime senza preoccuparsi della data di scadenza dei contratti future.

Chiamata