Spread Fluttuante e Fisso


Lo spread è la differenza tra il prezzo di Domanda e il prezzo d'Offerta, che viene espresso in pip. È importante tenere in considerazione la dimensione dello spread durante l'esecuzione della negoziazione, perché uno spread alto comporta una perdita significativa per il cliente nel corso di un trading attivo.

I broker, che operano sui mercati Forex e CFD, offrono ai loro clienti vari tipi di conti di trading. Tali conti hanno condizioni diverse di trading con vari metodi di formazione di spread.

A questo riguardo, i broker vengono classificati in due grandi gruppi:

  1. Broker con spread fissi
  2. Broker con spread fluttuanti

Spread Fisso

Come si può supporre dal nome, lo spread fisso non cambia in base al tempo o alle fluttuazioni generali del mercato e alla volatilità. Tuttavia, nel caso di scarsa liquidità e volatilità elevata lo spread potrebbe temporaneamente cambiare, cioè essere trasferito al nuovo livello dello spread fisso; quando il mercato torna alla sua condizione normale, lo spread viene cambiato al suo livello generale. Tuttavia, nonostante queste rare situazioni, la negoziazione con lo spread fisso è decisamente più comoda per i clienti, dato che è più prevedibile, e quindi anche meno rischiosa.

Negli ultimi anni in condizioni di forte competizione i broker continuamente cercano di offrire innovazioni ai loro clienti, e questo riferisce anche allo spread. Sempre più società adottano lo spread fluttuante.

Spread Fluttuante

Lo spread fluttuante sui mercati Forex e CFD è un valore in continuo cambiamento tra il prezzo di vendita e il prezzo di acquisto. Lo spread fluttuante è un fenomeno tipico del mercato e, soprattutto sono le relazioni interbancarie caraterizzate da esso. Quindi, insieme ai conti di trading normali, una seria di società offrono i cosidetti conti ECN (Electronic Communication Network). Il broker Forex ECN fornisce una piattaforma su cui i partecipanti (banche, market maker e investitori privati) negoziano uno con l'altro piazzando ordini di vendita e d'acquisto nel sistema. Normalmente, i clienti che negoziano sulla piattaforma ECN hanno uno spread più basso, ma allo stesso tempo pagano anche commissioni al broker durante la loro operazione.

In generale, se confrontiamo due tipi di spread e cerchiamo di capire qual'è lo spread più redditizio per i clienti, dal nostro punto di vista è piuttosto quello fisso. Di solito, facendo una pubblicità dello spread fluttuante, i broker mettono l'accento sul fatto che esso è tipico del "mercato" ed è più stretto di quello fisso. In teoria, è vero, ma nell'esercizio di trading vero, particolarmente in un mercato attivo e volatile, i clienti con uno spread fluttuante affrontano dei problemi improvvisi. Uno di tali problemi è il fatto che lo spread potrebbe crescere fino a 8-10 pip per le coppie di valute principali. Inoltre, gli ordini potrebbero essere eseguiti a prezzi molto più alti rispetto allo spread indicato e, di conseguenza, il cliente non può avanzare alcuna pretesa nei confronti del broker. I trader che negoziano regolarmente e continuamente utilizzano ordini stop, non possono prevedere completamente il comportamento del trading, in quanto i broker possono "disordinare gli stop", facendo riferimento alla situazione del mercato.

Perciò, ancora una volta bisogna notare che lo spread fisso è più comodo e prevedibile per i clienti, rispetto allo spread fluttuante.


Scegli il tuo preferito tra 500+ strumenti

Inizia a fare trading con IFC Markets APRI UN CONTO PER SAPERNE DI PIÙ
Chiamata